“Nuvole di confine. Graphic Journalism. L’arte del reportage a fumetti”

Dal 14 aprile al 16 settembre 2012, in occasione della rassegna “Tolentino Humour”, la città di Tolentino ospita la mostra” Nuvole di confine. Graphic Journalism. L’arte del reportage a fumetti”, a cura di Luca Beatrice. La mostra e promossa ed organizzata dal Comune di Tolentino, Assessorato alla Cultura, con il patrocinio di Regione Marche, Provincia di Macerata e del Consiglio regionale delle Marche dell’Ordine dei Giornalisti. II MiBAC ha inserito la mostra tra gli eventi della XIV Settimana della Cultura – 14/22 aprile 2012: in questi giorni I’ingresso sarà gratuito. In mostra Ie opere di Paola Cannetella e Giuseppe Galeani, Marco Corona, Guy Delisle, Vincenzo Filosa, Sarah Glidden, Josh Neufeld, Lamia Ziade e Aleksandar Zograf che danno vita ad una suggestiva esposizione ospitata dal MIUMOR – Museo Internazionale dell’Umorismo dell’Arte che per la prima volta si spoglia della sua storica collezione.

Non e un caso che oggi, a fronte di molteplici scenari fortemente conflittuali ancora irrisolti, uno spazio prestigioso come quello di “Tolentino Humour” abbia deciso di dedicare la prima rassegna italiana, con significative presenze internazionali, all’emergente fenomeno del Graphic Journalism, I’arte del reportage a fumetti, una costola della Graphic Novel divenuta, a tutti gli effetti, la mutazione genetica dell’illustrazione d’autore nell’istante in cui vignette e nuvole incontrano la parola scritta con ambizioni chiaramente letterarie.

II “graphic journalism” e un’espressione sempre più nota ma ancora lontana dall’uso corrente o da rischi di abuso, e dietro alla quale ci sono semplicemente I’ispirazione delle storie, la solidità degli stili e – in ultima analisi – gli autori e la loro passione per Ie vicende del mondo. E anche cosa troppo recente per essere una teoria, una tendenza o una scuola. E invece una pratica, resa possibile e spesso dettata dalle circostanze, oppure adottata istintivamente dagli autori.

La varietà di temi e di stili e naturalmente molto ampia, ma la sensibilità comune. Cosi, leggendo storie di guerra, di viaggi in paesi lontani, di povertà, di repressione, di amicizia, di paura o di speranza, e osservando i tanti disegni che Ie raccontano, ciascuno con il tratto unico del proprio autore, si ha come I’impressione di varcare una soglia: il mondo che conosciamo continua a esistere ma sembra più vero sotto forma di disegno.

Nuvole di confine: propone una selezione di autori che realizzano in forma di fumetto una varietà di narrazioni unite dalla scelta di rappresentare realtà personali, sociali e politiche.

Con un’originalità stilistica che non potrà non colpire il lettore esperto e, ancor di più, chi del

fumetto ancora non sospettava Ie espressioni più recenti e innovative.

La mostra può essere seguita anche su Twitter (@NuvolediConfine) e Facebook (eventi – Nuvole di confine. Graphic Journalism. L’arte del reportage a fumetti).

Contenuto inserito il 20/04/2012
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità