Marginalia”, il Caffè Letterario di Zagreus dedicato alla Tolentino dell’arte

Inizia il 22 ottobre a Tolentino con il Caffè Letterario la prima edizione di “Marginalia”, rassegna di eventi legati al mondo dell’arte e della cultura.
Organizzati e curati dall’associazione “Zagreus”, reduce dal successo del festival “Ermetica” della scorsa estate, i quattro incontri di cui si compone il Caffè troveranno dimora nello splendido foyer del Teatro Vaccaj. Gli appuntamenti si svolgeranno nei venerdì di 22 ottobre, 12 e 19 novembre e 10 dicembre alle ore 18.30.
Sottotitolata “Periferie”, questa prima stagione sarà tutta dedicata alla Tolentino scomparsa, che è però ancora viva nei ricordi di coloro che l’hanno abitata e nell’eredità culturale ed artistica a noi giunta.
Quattro appuntamenti, quattro personaggi, prima tra tutte proprio la Città, di cui si racconterà attraverso splendide e pregnanti fotografie nel primo incontro di venerdì 22 ottobre “Parla, Ricordo: La città scomparsa”, che vedrà la partecipazione dello storico Giorgio Semmoloni, autore dell’omonimo libro “La città scomparsa. La società a Tolentino nelle fotografie tra Ottocento e Novecento”.
Si prosegue poi il 12 novembre con “A li tempi che core: Giovanni Sebastiani, che lingua parla la poesia?”, appuntamento incentrato sul poeta tolentinate tra i primi ad elevare il dialetto nostrano a linguaggio poetico, con alcuni dei testimoni della riedizione della sua raccolta “Nelle marche se canda cuscì”, Ada Borgiani e Lanfranco Pascucci. L’incontro sarà dedicato alla memoria del benvoluto compositore Aldo Passarini, che ha musicato molte poesie di Sebastiani.
Il 19 novembre, invece, si potrà assistere a “Satura tota nostra est: Luigi Mari, quando una città impara a ridere”, dove si approfondirà la figura dell’artista e fondatore di Miumor e della Biennale Internazionale dell’Umorismo, unicum di Tolentino, con il direttore artistico di Biumor, Evio Hermas Ercoli.
A chiudere la rassegna, il 10 dicembre avrà luogo “Falco alto levato: Paolo Pace, 1961-2021”, incontro volto a raccontare la persona e l’artista Paolo Pace, pittore e incisore di estrema sensibilità e primo sindaco antifascista della città, con la preziosa collaborazione dell’Accademia Filelfica, curatrice della monografia “Paolo Pace: incisioni e dipinti.”

Il progetto grafico di Marginalia è interamente a cura del talentuoso e giovanissimo Pietro Canovari, già collaboratore per Ermetica.

“La rassegna porta il nome dei commenti apposti ai margini di un libro – dicono i membri di Zagreus Sofia Baldoni, Edoardo Costantini, Michele Polisano e il nuovo membro Giorgio Epifani – così come la nostra città e i suoi grandi personaggi sono, nella narrativa comune, ai margini del grande libro della Storia. Ma per comprendere davvero il grande bisogna conoscere il piccolo, bisogna sapere da dove veniamo e quale tesoro stiamo ereditando, e siamo orgogliosi e felici del supporto dell’Amministrazione nella diffusione di questa eredità.”
L’evento, patrocinato dal Comune di Tolentino, è totalmente gratuito e ad accesso libero fino ad esaurimento posti. È perciò gradita la prenotazione tramite i canali social di Zagreus, la mail ermeticafestival@gmail.com o per telefono al 3315425344.

E’ con grande piacere che l’Amministrazione comunale nel pensare ai pomeriggi culturali nel foyer del Teatro Vaccaj – afferma l’Assessore alla Cultura Silvia Tatò – abbia rivolto il proprio sguardo ai giovani talentuosi dell’associazione Zagreus nell’ottica di valorizzare le abilità, le competenze ed il talento dei giovani tolentinati. CI inorgoglisce la sensibilità e profondità che i ragazzi hanno dimostrato nella scelta  di dedicare i primi quattro incontri a personaggi illustri della nostra città, artisti che ne hanno scritto la storia culturale. Non ci resta che dare merito alla loro volontà e determinazione e andare ad ascoltarli a Teatro.

 

Contenuto inserito il 14/10/2021

Informazioni

Nome della tabella
Autore Ufficio Stampa

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità