La Ales Pelletterie festeggia 25 anni di attività

Nei giorni scorsi la Ales pelletterie di Tolentino ha festeggiato i suoi 25 anni di attività.

Nel corso di un evento, ospitato negli spazi antistanti lo stabilimento, sono stati ricordati i momenti più importanti e tutte le eprsone che hanno contribuito al successo dell’azienda. Erano presenti le autorità cittadine, clienti, alcuni dei quali giunti anche da stati esteri, rappresentanti delle più importanti griffe italiane che si affidano alla Ales per la realizzazione delle loro collezioni e tanti artisti che hanno contribuito a rendere ancora più accattivante la festa come il cabarettista Luciano Lembo e Andrea Ligresti delle Iene.

Nel corso della serata, il Sindaco Giuseppe Pezzanesi ha ringraziato Lanfranco Vitali, Edoardo Mattioli e Sauro Tiberi per il grande lavoro svolto e che con lungimiranza e intuito hanno fondato e fatto prosperare un’azienda che oggi svolge una preziosissima azione di valorizzazione del territorio, legando ad esso il proprio prodotto. Con passione, professionalità, sacrifico, impegno e grande umanità, in questi anni, hanno contribuito fattivamente alla crescita del distretto pellettiero, valorizzando le abilità individuali delle dipendenti e dei dipendenti, che coniugano la grande tradizione artigiana radicata sul territorio tolentinate con l’innovazione tecnologica, gettando le basi del saper fare.

Il Sindaco ha donato ai tre titolari della Ales Pelletterie tre pergamene a ricordo della serata e della festa.

Molto significativo il gesto di Lanfranco Vitali, Edoardo Mattioli e Sauro Tiberi che hanno deciso di donare alla ASP di Tolentino una somma di denaro raccolta dagli amici e dagli ospiti che hanno partecipato alla festa. Mille e cinquecento euro saranno destinati a sostenere le attività del Centro Alzheimer della casa di Riposo Porcelli di Tolentino.

Una testimonianza concreta di solidarietà da parte di tre imprenditori che si distinguono, oltre che per la loro azienda anche per le loro attività solidali.

L’azienda Ales è stata fondata il 17 marzo del 1993, in piena crisi della moda e della pelletteria dovuta alla contrazione dei consumi e dalle prime cosiddette bolle finanziarie, su spinta propulsiva di Lanfranco Vitali, Antonio Mariantoni, Edoardo Mattioli e Sauro Tiberi che decisero di lasciare la loro occupazione presso una pelletteria locale e di intraprendere una nuova strada professionale fondando una Società.

Dalle iniziali dei loro nomi nasce l’acronimo Ales: Antonio, Lanfranco, Edoardo, Sauro.

La Ales Pelletterie si inserisce subito all’interno del comparto produttivo della piccola pelletteria tolentinate, specializzandosi in alcune tipologie di lavorazioni, come quelle delle cartelle da lavoro. Importanti aziende, anche a livello internazionale, affidano a questa nuova impresa le loro produzioni di pregio, dove oltre al design degli stilisti, viene data particolare importanza alla scelta dei materiali, alla realizzazione rigorosamente artigianale dei manufatti, con l’intento di creare prodotti di alta gamma e qualità, in una parola di lusso.

Passano gli anni e Ales Pelletterie consolida la propria posizione sul mercato delle lavorazioni conto terzi, assumendo nuovo personale e creando un proprio indotto di fornitori e collaboratori. Ovviamente nuovi importanti clienti chiedono di realizzare i propri prodotti moda. Sempre più aziende apprezzano la qualità delle lavorazioni, la precisioni nelle consegne e i diversi servizi offerti con l’obiettivo di migliorare la produzione, contenendo i costi.

Nel 2000 Antonio Mariantoni lascia la società in quanto ha raggiunto l’età della pensione. Viene liquidato e la sua quota viene acquisita dagli altri tre soci. I dipendenti crescono in maniera esponenziale: sono 7 nel 1994; 11 nel 1995; 14 nel 1996; 17 nel 1997; 20 nel 1998 fino ad arrivare a 28 negli anni 2000. Con l’ingresso del nuovo secolo il fatturato è di circa 2 miliardi e mezzo di lire. In questi anni si acquistavano direttamente le materie prime e sussidiarie.

Gli spazi a disposizione nel piccolo laboratorio non sono più sufficienti. Si pensa di delocalizzare e si avviano le procedure per la costruzione di un nuovo capannone e si acquista un lotto di terreno nella zona industriale Le Grazie.
A metà anno del 2002 l’azienda si trasferisce nella nuova sede in uno stabile particolarmente funzionale. Gli spazi prevedono, oltre al grande laboratorio, una zona destinata all’ufficio stile e modelleria oltre ad un grande magazzino dove vengono conservate le pelli e gli accessori. Al primo piano vengono sistemati gli uffici, una sala mostra, lo showroom e la sala riunioni. Inoltre viene anche attrezzata una zona destinata ad accogliere le dipendenti che, nella pausa pranzo, preferiscono rimanere in azienda, senza tornare a casa. Anche negli anni 2000 sia gli occupati che il valore della produzione crescono in maniera costante nel tempo. I dipendenti salgono fino a 37 (anni 2004, 2006, 2016). Il fatturato del 2010 è stato di circa 1 milione e centomila euro. Va precisato che in questo periodo non venivano fatti acquisti di materie prime in quanto si inizia a lavorare prevalentemente conto terzi e quindi tutti i materiali vengono forniti direttamente dai clienti. Il 1° gennaio del 2014 viene firmato l’atto costitutivo della nuova società. Ales snc si trasforma in Ales Società a Responsabilità Limitata (SRL). Ne sono soci Lanfranco Vitali, Edoardo Mattioli e Sauro Tiberi.

Sempre nel 2014 l’azienda, a causa di un corto circuito, è interessata da un incendio che fortunatamente è stato spento senza creare danni ingenti. Soci e dipendenti hanno collaborato e lavorato insieme per ripulire e rendere in pochi giorni nuovamente funzionante la linea produttiva.

Tra il 2015 e il 2016 viene acquistato un altro lotto di terreno dove viene fabbricata una ulteriore ala che va ad aggiungersi allo stabile esistente. I nuovi spazi ospitano un grande magazzino dove vengono conservate le tante pelli e quanto necessario per le varie lavorazioni.

Ad ottobre del 2016 il sisma sconvolge la quasi totalità del territorio provinciale. A Tolentino risultano danneggiati oltre 5000 edifici con moltissime famiglie che si trovano senza casa. I titolari di Ales, per venire incontro alle esigenze e allo stato di emergenza che interessa alcuni dipendenti, decidono di trasformare una parte degli spazi che ospitano gli uffici, per realizzare appartamenti destinati ad accogliere, temporaneamente, chi si trova senza abitazione. Molte le iniziative di solidarietà che vengono promosse e sostenute.

Oggi Ales Pelletterie è una moderna azienda, una realtà consolidata nel panorama della produzione di articoli in pelle e tessuto.

Stile, tradizione e tecnologia si fondono per creare dei prodotti, che uniscono il loro carattere altamente funzionale e la raffinatezza della loro esecuzione in una estetica globale che coinvolge materiali, disegni, forme e colori, trasmettendo loro bellezza, trasformandoli in “strumenti di vita”.

È così che nasce una vasta gamma di prodotti che non temono né l’uso né il tempo. Borse, valigie, portafogli, agende, album foto, servizi scrittoio sono realizzati molto accuratamente in tutte le diverse fasi di lavorazione, secondo la tradizione artigianale tolentinate e con le tecniche più avanzate, interpretando al meglio le richieste di mercato.

Il fatturato supera i 3 milioni di euro e i dipendenti sono ormai 37, compresi i soci. Molto importante anche l’indotto con diversi laboratori che collaborano direttamente realizzando alcune fasi della produzione, mantenendo inalterata la qualità delle lavorazioni. In ogni modello c’è un’attenta cura dei dettagli, della scelta delle caratteristiche proprie dei pellami e della realizzazione.

Contenuto inserito il 24/07/2018

Informazioni

Nome della tabella
Autore Ufficio Stampa

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità