“Cosa ti manca per essere felice?” La magia di Simona Atzori al Teatro Vaccaj

In occasione della Festa della Donna l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Tolentino, la Commissione consiliare Pari Opportunità, la Consulta delle Donne organizzano al Teatro Vaccaj, venerdì 8 marzo, alle ore 21.15 una serata- spettacolo con la ballerina, pittrice, coach Simona Atzori.

“Cosa ti manca per essere felice?” La magia di Simona Atzori è il titolo della serata che consentirà di conoscere dalla viva voce della protagonista una storia di sogni, opportunità e di libertà. Le infinite possibilità di ognuno di noi, di essere diverso ogni giorno rimanendo sempre sé stesso. Superando convenzioni, interpretando stili, concedendosi di vivere ogni passione. Il tutto vede come protagonista assoluta Simona e la sua quotidianità fatta di entusiasmo e amore per l’arte in tutte le sue sfaccettature, ma al contempo di difficoltà superate con tenacia e spirito di intraprendenza.

“…Non c’è nulla che non possa essere fatto, basta trovare il modo giusto per farlo. – scrive Simona – Io tengo il microfono con i piedi, altri con le mani, altri ancora lo tengono sull’asta. Sta a noi trovare il modo giusto per noi. Io credo nella legge dell’attrazione: quello che dai ricevi. Se trasmetti amore, attenzione, serenità; se guardi alla vita con uno sguardo costruttivo; se scegli di essere attento agli altri e al loro benessere; se conservi le cose che ami e lasci scivolare via quelle negative, la vita ti sorriderà. Se avessi avuto paura sarei andata all’indietro, invece che avanti. Se mi fossi preoccupata mi sarei bloccata, non mi sarei buttata, avrei immaginato foschi scenari e mi sarei ritirata. Invece ho immaginato. Adesso sono felice, smodatamente, spudoratamente felice. Ed è una gioia raccontarla, questa mia felicità”.

L’evento è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa dal Sindaco Giuseppe Pezzanesi, dal Vicesindaco Silvia Luconi, dall’Assessore alle Politiche Sociali Francesco Pio Colosi, dall’Assessore alla Cultura Silvia Tatò, dall’Assessore alla Sicurezza Giovanni Gabrielli, dalla Presidente della Commissione consiliare Pari Opportunità, il Consigliere Monia Prioretti e dalla Presidente della Consulta delle Donne Solidea Vitali. E’ stata ringraziata per l’apporto dato all’organizzazione dello spettacolo la responsabile dell’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Tolentino Pia Maria Branchiesi.

Ingresso 10 euro. I biglietti possono essere acquistati da giovedì 7 marzo dalle ore 18 alle ore 20 e venerdì 8 marzo dalle ore 18 a inizio spettacolo presso il botteghino del Teatro Vaccaj oppure rivolgendosi all’Amat, biglietteria del circuito, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 16, telefono 071.2072439.

 

Simona Atzori nasce a Milano nel 1974. Fin da piccola era una bambina vivace e piena di sogni.
Immaginava già di correre e di danzare libera e felice. I sogni che aveva nel cuore erano la Pittura e la Danza e grazie al supporto della sua famiglia, inizia fin da bambina a coltivarli con passione.

La Pittura

Si avvicina alla pittura all’età di quattro anni come autodidatta. Nel 1983 entra a far parte dell’Associazione dei Pittori che Dipingono con la Bocca e con il Piede (V.D.M.F.K.). La casa editrice italiana è la SPAM di Verona (abilityart.it). Nel 1992 dona a Papa Giovanni Paolo II il ritratto del Santo Padre. Nel 2014 dona a Papa Francesco il suo ritratto in sala Nervi in Vaticano. Nel 2001 si laurea in “Visual Arts” presso la “Univesity of Western Ontario” in Canada. Dal 2008 i suoi quadri sono in Mostra Permanente nella città di London Ontario, Canada. Partecipa a mostre collettive e personali in tutto il mondo: Italia, Cina, Canada, Portogallo, Svizzera, Spagna, Austria, Messico, Grecia.

La Danza

Simona inizia a danzare all’età di 6 anni, seguendo corsi di danza classica. Ambasciatrice per la Danza nel Grande Giubileo del 2000. Protagonista della cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Torino 2006. Nel 2006 partecipa alla trasmissione “Amore” di Raffaella Carrà. Nel 2009 Simona ha danzato durante due tappe del “Roberto Bolle and friends” Nel 2010 nasce la SimonArte Dance company, che ha all’attivo tre produzioni in collaborazione con danzatori del Teatro alla Scala di Milano. “Me”, “Cosa ti manca per essere felice?” (dal libro lo spettacolo di danza) “Una stanza viola” Nel 2012, Simona ha aperto la quarta serata del festival di Sanremo. Nel 2014 Simona danza in Sala Nervi in Vaticano per Papa Francesco. Nel 2017 lo spettacolo “Una stanza Viola” viene portato in scena al Festival dei due mondi di Spoleto.

La Scrittura

Simona è ritratta nella copertina del libro di Candido Cannavò, “E li chiamano Disabili”. Nel 2011 è uscito il suo primo libro: “Cosa ti manca per essere felice?” Mondadori. Nel 2014 esce il suo secondo libro “Dopo di te” Mondadori. Il suo primo libro viene tradotto in spagnolo dalla casa editrice Palabra nel 2016 Qué te falta para ser feliz? Nel 2018 esce il suo terzo libro “La strada nuova” edito da Giunti.

Incontri Motivazionali NEWS DAL 2016

Simona conduce “Incontri Motivazionali” presso Grandi Aziende, banche, organizzazioni, scuole per aiutare i propri impiegati o studenti a migliorare l’atteggiamento verso loro stessi e verso la vita.

Riconoscimenti

2000: Premio Michelangelo per la danza.

2007: Primo Premio “Angelo d’Arrigo”.

2009: ” Premio Mondiale Toyp ” (the outstending young person).

2010: Premio Atreju dato dal Ministro Giorgia Meloni.

Nel 2012 Simona è stata insignita dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica Italiana dal Presidente Giorgio Napolitano.

Simona è ambasciatrice dalla Fondazione Fontana e del St. Martin in Kenya.

 

 

Contenuto inserito il 05/03/2019

Informazioni

Nome della tabella
Autore Ufficio Stampa

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità