Approvato il progetto per il rifacimento della pista di atletica

Come oramai è noto, la pista di atletica leggera dello Stadio della Vittoria si trova in uno stato di grave degrado in quanto allo stato attuale la superficie drenante risulta in pessimo stato di manutenzione, manifestando distacchi più o meno corposi in numerosi punti, con evidenti rigonfiamenti della stessa mentre il sottofondo cementizio in conglomerato bituminoso risulta, in alcuni punti, dissestato.

In passato sono state realizzate le opere per il ripristino della pista di atletica leggera, regolarmente eseguite ma finalizzate principalmente alla rimessa in funzione delle pedane di lancio e salti e nella opere complementari, quali un muretto di contenimento della pista stessa e la realizzazione di una barriera antiradice.

Visto lo stato attuale, i tecnici comunali hanno redatto un progetto definitivo per la ristrutturazione dell’impianto sportivo che prevede una spesa complessiva di 250 mila euro.  

Il progetto prevede il ripristino e la ricostruzione a nuovo delle superfici sintetiche con la messa in sicurezza del fondo, a tratti impercorribile, e la realizzazione di opere nel rispetto delle nuove prescrizioni tecniche fornite dalla F.I.D.A.L. al fine di poter omologare l’impianto sportivo nel suo complesso ai sensi della circolare tecnica 2013 per la realizzazione di impianti sportivi di atletica leggera rilasciata dalla stessa federazione di atletica.

Inoltre il progetto esecutivo ribadisce la necessità di abbattere il pino marittimo presente a bordo pista in quanto l’eventuale taglio di parte di radici causerebbe una destabilizzazione della pianta stessa compromettendo la sicurezza e quindi, non esistendo soluzioni tecniche alternative all’abbattimento di tale pianta, la stessa sarà sostituita dalla piantumazione di due nuovi alberi.

Contenuto inserito il 25/03/2014

Informazioni

Nome della tabella
Autore Ufficio Stampa

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità