San Francesco

madonna_colonna

La chiesa fu eretta in forme romanico-gotiche nella seconda metà del ’200 e modificata più volte nei secoli successivi.

Della struttura originaria rimangono l’abside decorata con archetti pensili in pietra e bacini maiolicati, e la cappella di destra, interamente dipinta.

Gli affreschi che ornano l’angusto vano non costituiscono un vero e proprio ciclo ma, insieme con quelli staccati sistemati nelle cappelle della chiesa, rappresentano l’espressione viva e intensa della fede e della religiosità popolare.

Le pitture della cappella sono di qualità decisamente elevata e fanno sorgere il dubbio se si tratti di dirette testimonianze della scuola riminese o se esse debbano essere riferite ad artisti di scuola locale.

Tra le immagini, spicca sulla parete di fondo dell’antica navata, la “Crocifissione” riferibile alla prima metà del secolo XIV.

Tra gli affreschi staccati emerge, per la grazia e la delicatezza della composizione, “La Madonna con il Bambino” proveniente dalla Chiesa di San Giacomo, attribuibile al maestro del “Dormitio” di Terni, un notevole pittore attivo tra l’umbri meridionale e le marche nell’ultimo quarto del ’300.

Questo sito è realizzato da Task srl
ed è sviluppato secondo i principali
canoni dell'accessibilità.
Recupera la password