Comunicati Stampa

“Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”

Anche il Comune di Tolentino ha provveduto ad istituire un apposito registro sia informatico che cartaceo per la ricezione delle disposizioni anticipate di trattamento (DAT) presentate personalmente dai residenti presso l’Ufficio dello Stato Civile dello stesso Comune e ha individuato gli Ufficiali dello Stato Civile quali soggetti atti alla ricezione delle DAT, nonché alla loro registrazione e custodia nel rispetto delle disposizioni di legge presenti e future.

Infatti riguardo alle “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento. Istituzione registro DAT” sono stati adottati gli atti gestionali e sono stati predisposti i relativi moduli.

La Disposizione Anticipata di Trattamento “DAT” permette di esprimere ad ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere la propria volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, in previsione di un’eventuale futura incapacità.

Infatti la legge sul bio testamento, pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 219 del 22 dicembre 2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”) è in vigore dal 31 gennaio 2018. Le legge stabilisce che una persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, possa “esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari“. Si può quindi esprimere la propria volontà di accettare o rifiutare accertamenti e terapie in momenti della vita in cui non si sarà in grado di indicare consapevolmente tale opzione, secondo il principio che “nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata”.

Va precisato che:

nella DAT può essere indicata una persona maggiorenne di fiducia “fiduciario”, che faccia le veci del disponente e lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie; l’accettazione della nomina da parte del fiduciario può risultare dalla sottoscrizione della DAT o con atto successivo che verrà allegato alla stessa; il cittadino non può esigere trattamenti sanitari contrari a norme di legge, alla deontologia professionale o alle buone pratiche clinico-assistenziali; il medico è tenuto al rispetto delle DAT, che possono essere disattese in tutto o in parte, dal medico stesso, in accordo con il fiduciario, qualora esse appaiono palesemente incongrue o non rispondenti alla condizione clinica attuale o sussistano terapie non prevedibili all’atto della sottoscrizione delle DAT, capaci di offrire concrete possibilità di miglioramento delle condizioni di vita; qualora le DAT non contengano l’indicazione del fiduciario o questi vi abbia rinunciato o sia deceduto o sia divenuto incapace, le DAT mantengono efficacia in merito alle volontà del disponente; in caso di necessità e nei casi di conflitto fra fiduciario e medico, la decisione è rimessa al giudice tutelare secondo le procedure previste dal Codice Civile.

Le DAT devono essere redatte: per atto pubblico (atto redatto da notaio); per scrittura privata autenticata; per scrittura privata consegnata personalmente dal disponente presso l’Ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza del disponente stesso.

Per tutti questi motivi è stato istituito  un apposito registro sia informatico che cartaceo per la ricezione delle disposizioni anticipate di trattamento (DAT) presentate personalmente dai residenti presso l’Ufficio dello Stato Civile e come detto, sono stati predisposti gli appositi modelli per l’istituzione del registro comunale e modalità operative di raccolta per le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT); dichiarazione di deposito presso l’ufficio dello stato civile del Comune di Tolentino della DAT; accettazione incarico di fiduciario/fiduciario supplente; rinuncia dell’incarico di fiduciario; revoca dell’incarico di fiduciario; facsimile DAT.

Va ricordato che le DAT: sono esenti dall’obbligo di registrazione, dall’imposta di bollo e da qualsiasi altro tributo, imposta, diritto e tassa; con le stesse forme sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento. Inoltre le DAT possono altresì essere consegnate direttamente presso le strutture sanitarie qualora la Regione regolamenti con proprio atto la raccolta delle DAT, compresa l’indicazione del fiduciario, e il loro inserimento nella banca dati, lasciando comunque al firmatario la libertà di scegliere se darne copia o indicare dove esse siano reperibili.

Tutta l’informativa e i modelli sono scaricabili o consultabili all’interno di una apposita sezione dedicata sull’home page del sito istituzionale del Comune di Tolentino http://www.comune.tolentino.mc.it/disposizioni-anticipate-trattamento/

Informazioni

Data di pubblicazione13/06/2018
AutoreUfficio Stampa
Condividi
Logo del SINP - Sistema Informativo della provincia di Macerata
Il Comune di Tolentino
aderisce al SINP e al Centro Servizi Territoriale
della provincia di Macerata