Giorno del Ricordo

Ormai da diversi anni il 10 febbraio è stato riconosciuto quale “Giorno del Ricordo, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.
L’Amministrazione Comunale ha realizzato un manifesto per diffondere tra i cittadini e soprattutto tra i giovani delle scuole di ogni ordine e grado, la conoscenza di quei tragici eventi, in modo da conservare la memoria di quelle vicende.

A tal proposito la Presidenza del Consiglio comunale ha promosso una serie di incontri in tutte le scuole cittadine. Mauro Sclavi Presidente del Consiglio comunale, Giuseppe Gesuelli e Renato Pagliari leggeranno il testo di Gabriela Eleonori “Silenzio e Grida (una storia taciuta)”. Prolusione storica a cura del prof. Enzo Calcaterra. L’iniziativa è promossa dal Comune di Tolentino, Consiglio comunale, Assessorato alla Cultura, Assessorato alle Politiche Giovanili, Anpi sezione di Tolentino, Associazione Nazionale Carabinieri di Tolentino, Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra, Circolo culturale “Tullio Colsavatico” e gli Istituti scolastici di Tolentino.

Data di pubblicazione:
07/02/2013

Giorno del Ricordo

Ogni anno il 10 febbraio si celebra il “Giorno del Ricordo” al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le Vittime delle Foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.
Come tutti gli anni l’Amministrazione Comunale ha realizzato un manifesto per diffondere tra i cittadini e soprattutto tra i giovani delle scuole di ogni ordine e grado, la conoscenza di quei tragici eventi, in modo da conservare la memoria di quelle vicende.

Il Giorno del Ricordo – afferma il Sindaco Luciano Ruffini – è una occasione per capire e condividere la memoria di questi tragici fatti dopo anni di silenzio. Con la collaborazione della Comunità Italiana di Isola d’Istria è nostra intenzione promuovere, nelle prossime settimane, un incontro con uno storico istriano per favorire un momento di riflessione che vuole valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e delle coste dalmate e comunque di tutte le Vittime delle Foibe.

Data di pubblicazione:
09/02/2012
Questo sito è realizzato da Task srl
ed è sviluppato secondo i principali
canoni dell'accessibilità.
Recupera la password