Comunicati Stampa

Assegnazione degli alloggi popolari di Santa Teresa

E’ intenzione dell’Amministrazione Comunale assegnare gli alloggi ricavati nella struttura dell’ex Monastero Santa Teresa, ristrutturati con i fondi Erap.

La nuova struttura andrà a integrare l’offerta diversificata dei Servizi Sociali sul versante della residenzialità e consentirà di avere a disposizione ulteriori spazi per le categorie svantaggiate della popolazione anche in considerazione del fatto che, in seguito agli eventi sismici del 2016 e 2017, sono molteplici gli edifici della città oggetto di opere di ristrutturazione, con conseguente condizione di disagio abitativo soprattutto per le fasce sociali più deboli.

L’assegnazione avverrà per il tempo necessario a trovare una diversa e adeguata sistemazione e comunque, di norma, fino a un massimo di dodici mesi rinnovabili eccezionalmente, su indicazione dei Servizi Sociali e previa relazione motivata, per altri dodici mesi.

La Giunta ha ritenuto di dover dare priorità:

ai nuclei familiari con almeno un componente affetto da grave disabilità o ai nuclei con gravi problemi sociali, già assegnatari di alloggi ERAP interessati da lavori di ristrutturazione post-sisma;

ai nuclei familiari con almeno un componente affetto da grave disabilità o ai nuclei familiari con gravi problemi sociali, occupanti appartamenti interessati da lavori di ristrutturazione post-sisma.

Per accedere all’alloggio è necessaria la richiesta rivolta al Comune da parte dell’interessato e una relazione del Servizio Sociale che certifichi i requisiti sopra individuati.

Come in altre situazioni similari è previsto il pagamento di un contributo alla locazione da parte dell’assegnatario, quantificato nel canone di locazione pagato all’ERAP o al precedente proprietario, oltre ai costi delle utenze.

Informazioni

Data di pubblicazione05/10/2018
AutoreUfficio Stampa
Condividi
Logo del SINP - Sistema Informativo della provincia di Macerata
Il Comune di Tolentino
aderisce al SINP e al Centro Servizi Territoriale
della provincia di Macerata