Comunicati Stampa

Al via il restautro della fontana di piazza Silverj

Nella mattina di martedì 13 febbraio, gli scalpellini ed i tecnici di Montescaglioso sono giunti a Tolentino, coordinati dal Sindaco Vincenzo Zito, per prelevare alcuni pezzi della storica fontana posizionata in piazza Silverj, dietro il complesso monumentale della Basilica di San Nicola, per iniziare un intervento di restauro.

Infatti, inesorabilmente, il tempo ha lasciato molti segni, specialmente sulle conchiglie, della fontana che deve essere completamente riportata al suo antico splendore e che un tempo era posizionata in piazza della Libertà e poi trasferita in piazza Medoro Savini oggi piazza Martiri di Montalto sino ad essere collocata in piazza silverj.

Il Sindaco Giuseppe Pezzanesi, a tal proposito, ha coinvolto la comunità del Comune di Montescaglioso, in provincia di Matera i quali si sono subito attivati per la sistemazione delle parti più danneggiate, utilizzando lo stesso materiale del basamento, originario di Trani, consentendo un recupero completo dell’opera.

La Città di Montescaglioso, come già si ricorderà, aveva promosso un importante evento per raccogliere 10 mila euro che sono stati donati a Tolentino per la sistemazione di un’opera danneggiata dal terremoto e ora provvederà al restauro della fontana di San Nicola che verrà riportata alle condizioni originarie.

 

Al centro, sovrastata dallo snello campanile (m 36) della basilica, si osserva l’antica fontana che ornava la Piazza Maggiore ora della Libertà.

Notizie certe di una fontana in Piazza Maggiore si hanno dal 1460, ma l’origine doveva essere più antica in quanto essa era l’unica fonte per uso pubblico nella cerchia delle mura. Era alimentata dalla sorgente della Collina di Pianciano per mezzo di condotti in terracotta che superavano il Chienti utilizzando forse il Ponte del Diavolo. Demolita nel 1480, fu sostituita nel corso dei secoli da altre successive fino a giungere a quella oggi situata in piazza Silverj, realizzata alla metà del sec. XIX. Qui ha trovato definitiva sistemazione nel 1951 dopo essere stata trasferita dalla piazza Martiri di Montalto. Infatti nel 1892, in occasione della inaugurazione del nuovo acquedotto, al suo posto, nella piazza principale, ne era stata collocata una in ghisa acquistata alla Esposizione internazionale di Parigi ed ora situata di fronte alla Cattedrale di S. Catervo.

La grande vasca circolare di m 6 di diametro, poggiante su due scalini concentrici in pietra, presenta esternamente dei riquadri scomiciati, separati da elementi decorativi verticali scanalati a mo’ di lesene e sovrastati da un sottile capitello. Al centro degli specchi campeggia una rosa a sei petali di derivazione classica. ln un riquadro compare lo stemma del Comune di Tolentino.

Alcuni dei cippi che sorreggono le catene risalgono al sec. XVI quando la fontana fu, in tal modo, protetta per impedirne l’uso da parte degli animali.

(dalla Guida all’Arte e la Storia della Città di Tolentino di Giorgio Semmoloni, edizione Accademia Filelfica)

Informazioni

Data di pubblicazione13/02/2018
AutoreUfficio Stampa
Condividi
Logo del SINP - Sistema Informativo della provincia di Macerata
Il Comune di Tolentino
aderisce al SINP e al Centro Servizi Territoriale
della provincia di Macerata